Questo sito web fa unicamente uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti al solo fine di misurare il numero di visite al sito stesso. Non fa uso di cookie di profilazione. Per maggiori informazioni clicca sulla pagina sulla Privacy Scegliere di seguito se consentire l'utilizzo di tali cookie:

Do il consenso Nego il consenso

"INGE, la spada ingestibile"

(Una novella di Marco Andreoli - Bosconero dic. 2007 - Tutti I Diritti Riservati.)

"Storta", "sbilanciata", "sgraziata"...
Le "altre" mi chiamano così (quelle che mi vogliono bene!).
Ah ma c’è di peggio: "inutile, inservibile" e chi più ne ha più ne metta!
Gelose! Dozzinali! Comuni! Prodotti di serie! Ferri, ferracci: mal temprati e senz’anima!
Come, chi sono io? Ha già, mi presento: sono Inge.
No, non "Inghe", Inge! Siii come "ingestibile".
Già sono Inge: la spada ingestibile!
Dicono che sono così perché sono l’infelice risultato di una complicata serie di errori ...
Nacqui come spada a due mani, ma l’armaiolo pensò bene di farmi corta di lama e lunga di manico, risultato: troppo pesante sull’impugnatura, sbilanciata indietro!
Allora lo stesso "incapace" volle modificarmi accorciando il manico: diventai troppo pesante sulla punta!
L’ "artista spadaio" non contento dei disastri fatti decise allora di prendersela anche con la crociera, a parer suo troppo ingombrante. "Accorcerò i bracci !" disse.
Ora sono una spada corta di lama, con le braccine ed un manico enorme!
Il pomolo però è perfetto, quest’anno poi il pomo a mandorla si porta molto!
Mi hanno provato in molti, ed i molti hanno sempre detto: "no! Non ci siamo! ingestibile!"
Incompetenti! Dilettanti!...
Beh, forse c’è del vero ma diamine! Tiravano al collo e prendevano l’orecchio, affondavano al petto e beccavano l’inguine, cercavano l’ascella e colpivano il gomito...
Lo confesso, sbilanciata! L’avevo già detto eee...
Sono un po’ stortina, capirete: taglia, scalda, raffredda, lima...
Ultimamente sento dei strani rumorini ma non ho capito se ho preso gioco
o se c’è qualche cricchetta da qualche parte, magari sottopelle...
Comunque nessuno mi vuole, nessuno mi lucida, nessuno mi tira e nessuno si allena con me!
Abbandonata? Può darsi, ma non per sempre!
Voi direte: "è il tuo destino, inservibile perché ingestibile!"
E io vi dico... ingestibile? Si!
Ma questo mi fa unica, con un’anima, con un carattere, non per tutti certo e poi
"chi è per tutti si accontenta e frequenta chicchessia!".
Io invece troverò infine il mio Cavaliere, egli mi capirà, egli mi apprezzerà ed io non lo tradirò.
Cavalcheremo insieme, mi curerà ogni sera, mi affilerà e mi ungerà.
Invecchierò con lui e quando mi romperò...
Beh... potrò sempre diventare il suo coltello!


Marco Andreoli

Torna a "Vivere e Condividere il Medioevo"